Menu

Oltre il 43% della produzione elettrica è da fonti rinnovabili

21/01/2015

Nonostante ci sia sempre qualcuno pronto a puntare il dito contro gli  oneri in bolletta  legati alle  rinnovabili, le energie verdi continuano a dimostrare di dare ben più che una mano al sistema energetico nazionale. L’ultima conferma arriva da Terna che in questi giorni ha presentato il  rapporto provvisorio per il settore elettrico italiano 2014. I dati ci rivelano un panorama nazionale di generale flessione della domanda elettrica: lo scorso anno abbiamo  consumato il 2,1% in meno  rispetto al 2013 che diventa il 3% se considerano anche l’effetto congiunto del calendario (due giorni lavorativi in meno) e della temperatura (inverno più mite ed estate più fresca); in questo contesto l’apporto delle energie rinnovabili ha saputo crescere in maniera lineare.

In realtà non si tratta di una vera sorpresa come dimostrano gli aggiornamenti mensili che Terna ha pubblicato durante quest’anno; già ad agosto, la società spiegava come le green energy nostrane fossero state in grado di soddisfare il  38,9% della domanda  elettrica  e ben il  44,9% della produzione  netta nazionale.  I dati tornano in forma pressoché uguale anche nel rapporto a consuntivo, dalle cui pagine si evince che nel  2014 la  domanda di energia elettrica  è stata soddisfatta per l’85,9% (ben 267 TWh) con produzione nazionale e per la quota restante (14,1%) dal saldo dell’energia scambiata con l’estero. Di questa  quota, in diminuzione del 4% rispetto al 2013, un ruolo fondamentale è andato alle  fonti alternative, quasi tutte in aumento rispetto al calo del settore termoelettrico: il  fotovoltaico  è cresciuto del 9,8% raggiungendo una produzione di 23,3 TWh, l’idroelettrico   del 7,4% (58 TWh), la  geotermia  del 4,2% (5,5 TWh) e l’eolico  dell’1% (14,9 TWh). Queste ottime performance insieme ovviamente al contributo delle  biomasse  (14 TWh incluse nella voce Termoelettrico) hanno fatto sì che il contributo totale delle energie rinnovabili superasse  il 43% della produzione elettrica nazionale  (115 TWh) rispondendo a  oltre il 37% della domanda di energia elettrica.